Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Dom, 25/06/2017 - 18:26
sei qui: Home > L'opinione > Interventi e commenti > Ospedale Tinchi, ecco perchè ci incateniamo

Interventi e commenti Matera

PISTICCI

Ospedale Tinchi, ecco perchè ci incateniamo

Comitato Difesa: "I cittadini sono stufi di false promesse"

di Redazione Basilicata24

Ospedale di Tinchi, Pisticci Ospedale di Tinchi, Pisticci

Giovedì 15 novembre riprende la protesta. " I cittadini per farsi curare e medicare sono costretti a portarsi l'occorrente da casa".

Dopo la manifestazione davanti all'ASM di Matera il 5 ottobre scorso rappresentanti del Comitato (e di due associazioni presenti alla manifestazione) furono ricevuti dal direttore amministrativo Pierino Quinto. La settimana successiva furono ricevuti da Maglietta il quale comunicò che soluzioni diverse per Tinchi dipendevano dalla Regione, non certo dal direttore generale. Noi lo sappiamo e glielo abbiamo detto ai consiglieri regionali del Pd che sono venuti a Pisticci a parlare di turismo. Ma, a parte la nostra protesta per la mancata attuazione degli impegni assunti dalla regione per Tinchi e poi disattesi e per la chiusura del Laboratorio di Analisi, mettemmo in evidenza l'abbandono della struttura di Tinchi e la vergogna per alcune situazioni scandalose. La mancata istituzionalizzazione dell'ambulatorio chirurgico per il trattamento del piede diabetico, lo stato dell'ambulatorio per la terapia del dolore, la mancanza di attrezzature per l'ambulatorio di medicina, la soppressione degli esami baropodometrici, dell'elettromiografia e via aumentando la vergogna. Denunciammo il fatto che i pazienti per farsi curare e medicare nell'ambulatorio di chirurgia sono costretti a portarsi da casa garze, bende e farmaci. Che prima di andare a Tinchi devono passare dalla farmacia. Che tutto questo è inaccettabile. Maglietta sembrava cadere dalle nuvole, chiedeva ai suoi collaboratori se fosse vero. Era ed è tutto drammaticamente vero e reale. 

Maglietta si impegnò a risolvere i problemi segnalati. Ha mandato a Tinchi per tre settimane (un giorno a settimana) il direttore ASM degli ambulatori. Sembrava che in pochi giorni si sarebbero risolti tutti i problemi, che sarebbe arrivato in pochi giorni l'holter pressorio, che in pochi giorni sarebbe stata fatta la delibera che istituzionalizza l'ambulatorio chirurgico, che la fornitura di farmaci sarebbe stata ripristinata, che sarebbe stato organizzato l'ambulatorio per la terapia del dolore. Nulla di nulla. Tutto come prima, anzi sempre peggio. Dimostrammo che la chiusura del laboratorio di analisi era un vulnus letale per la dialisi e l'endocrinologia. Abbiamo costretto Maglietta a mettere una pezza. Certo non ci accontentavamo, ma anche su questo Maglietta si mostrò disponibile a trovare una soluzione. Una recente delibera, invece, "assicura" gli esami di laboratorio per i dializzati solo nelle sedute mensili come se i dializzati non avessero bisogno tutti i giorni delle prestazioni.Ecco perché i manifestanti di Tinchi hanno deciso di incatenarsi giovedì mattina. Sono stanchi e stufi delle promesse e degli impegni. Neanche la manifestazione di lunedì 5 novembre a Pisticci ha prodotto risultati se non l'impegno dei consiglieri regionali a ritornare a Pisticci dopo due settimane. Ne è già passata una e la seconda sta passando. Ci aspettavamo che a Pisticci la classe politica tutta si schierasse chiaramente dalla parte dei cittadini e difendesse con le unghia e con i denti l'ospedale e una delle ultime attività rimaste, chiedendo la revoca della delibera 792 che chiude il Laboratorio di Analisi. Ci aspettavamo che si mobilitassero tutti, partiti e istituzioni. Abbiamo l'impressione che, al contrario, la distanza tra questa classe dirigente e i cittadini stia aumentando paurosamente. Abbiamo l'impressione che qualcuno ancora pensa di poter portare sulle proprie posizioni, accomodanti verso il potere e i loro dirigenti regionali, prima le associazioni e poi man mano i cittadini tentando di isolare chi lotta e si batte veramente per il territorio accusandolo di "cercare la visibilità", di essere antipolitico, di essere estremista. Qualcuno pensa di convincere che la battaglia per il Laboratorio è inutile, tanto non serve ai pazienti sapere DOVE si fanno le analisi, serve avere le prestazioni. Che è importante riuscire ad ottenere "almeno" la riabilitazione, senza dire e precisare che la riabilitazione la vogliono affidare ai privati a ai loro lauti profitti. Sono mesi che sappiamo che il progetto di regione e ASM è la Don Gnocchi. Ci avevano provato prima con la Stella Maris.I manifestanti di Tinchi adesso dicono che il Laboratorio di Analisi di Tinchi è una questione di principio. La delibera 792 va revocata. Il piano per la Don Gnocchi è una truffa e pretendono chiarezza. Giovedì (15 novembre ndr) si incateneranno davanti all'ingresso dell'ospedale senza rinunciare a nuove ed eclatanti iniziative.

Il Comitato Difesa Ospedale di Tinchi 

Mer, 14/11/2012 - 12:04
Stampa