Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Dom, 25/06/2017 - 10:05
sei qui: Home > L'opinione > Interventi e commenti > Matera in Puglia Duemila sì

Interventi e commenti Matera

REFERENDUM

Matera in Puglia Duemila sì

Prosegue l'attività del movimento Matera Si Muove

di Redazione Basilicata24

Un'iniziativa di "Matera Si Muove" (Foto tratta da Trm) Un'iniziativa di "Matera Si Muove" (Foto tratta da Trm)

Continua incessante e con grande partecipazione popolare, la raccolta firme del Comitato Referendario “Matera SI Muove” che nell’ultimo week end ha toccato quota duemila firme, risultato raggiunto in appena due settimane!

Le avverse condizioni metereologiche nell’ultimo fine settimana, non hanno spaventato i materani, i quali si sono riversati in massa ai nostri gazebo –  posti sabato al “mercato cittadino” e domenica nella centralissima Piazza Vittorio Veneto- sempre più convinti della bontà dell’iniziativa da noi proposta e dalla voglia di sollecitare al più presto il Consiglio comunale nell’adoperarsi per avviare l’iter referendario.

In poco meno di due settimane tante sono le adesioni al nostro Comitato, costituito in maggioranza da giovani, consapevoli  che Matera meriti una rilevanza maggiore certi che la prospettiva adriatica sia la soluzione più concreta sotto un profilo turistico e di opportunità per il loro futuro, stanchi ormai di una Regione inconcludente, priva di interessi per la nostra città e che continua imperterrita in questi giorni ad illudere i materani sul dibattito riguardante il nuovo assetto territoriale, propinando proposte illusorie che non hanno attuazione.

Sono sei i consiglieri comunali che hanno firmato sin qui la nostra petizione. Rinnoviamo il nostro appello agli altri consiglieri comunali, affiche  adottino la delibera e concedano il Referendum ai Materani. Ci rivolgiamo a loro in quanto depositari del principio democratico, di approvare liberamente l’iter referendario dimostrando senso civico e attaccamento alla Città di Matera la quale chiede in numero sempre più crescente di scegliere autonomamente il proprio futuro. 

Lun, 15/10/2012 - 16:58
Stampa