Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Gio, 27/07/2017 - 13:09
sei qui: Home > L'opinione > Interventi e commenti > Su Fenice bisogna riflettere

Interventi e commenti Matera

Su Fenice bisogna riflettere

Parla Pio Abiusi, "Città Plurale" Matera

di Redazione Basilicata24

fenice fenice

La determina dirigenziale  di sospensione delle attività di Fenice ha messo in luce tutte le carenze che il sistema amministrativo e tecnico lucano riesce a dispiegare. Le motivazioni addotte per giustificare il fermo dell’impianto sono apparse poco convincenti. Il Presidente  La corazza  ha affermato che l’intera vicenda verrà esaminata con i legali del’Ente e qualora esistano i presupposti verrà inoltrato ricorso al Consiglio di Stato, va da se che le argomentazioni andranno rinforzate. Da  un altro aspetto vi è l’indagine avviata dalla magistratura ordinaria con i relativi riflessi penali su quanto è accaduto intorno a Fenice  dal 2002 fino al Marzo 2009.

La convocazione della conferenza dei servizi per discutere il piano di bonifica dell’area dovrà far emergere  elementi di certezza e, di sicuro, il fermo dell’impianto per la chiara  verifica   dei livelli delle soglie di contaminazione presenti nella falda acquifera è necessario.

 Prima di avviare la conferenza dei servizi per la concessione o meno dell’A.I.A, qualora Fenice abbia le caratteristiche per ottenerla, va discussa la V.I.A. – Valutazione di Impatto Ambientale- a fronte della richiesta  dell’inceneritore  di aumentare la quantità di rifiuti solidi urbani da trattare da 30 mila ton. a 39 mila.

 Sono  state presentate molte opposizioni e tra queste anche quella del Comune di Lavello, tutte molto qualificate. Tra i pochi investimenti fatti da Fenice, a detta della stessa proprietà, c’è stata la sostituzione  del forno nella linea del” forno a griglia”- quella dei rifiuti solidi urbani- per fare questo l’impianto è stato fermo l’estate scorsa per oltre un mese. Fenice da per scontato che  l’autorizzazione ad incenerire più rifiuti le venga concessa,  del resto, fino ad oggi, a fatto quello che ha voluto sul nostro territorio.   Molto strano è che l’ incremento richiesto riporti alle tabelle Ispra del 2008 che  mai  nessuno ha   contestato. Ispra ha dichiarato che Fenice ha bruciato, per il 2008, 39 mila ton di rifiuti soldi urbani ed assimilati mentre  era autorizzata a farlo per 30 mila

Il commissario Ato parla per il 2008 di   16 mila ton di rifiuti urbani regionali avviati ad incenerimento di questo  c’è riscontro anche  nella tabella Ispra,  si è arrivati  ad oggi a 20 mila più 5 mila della Fiat-. Questi dati ci dicono che la Basilicata non ha bisogno di bruciare una quantità superiore di rifiuti   ed  allora perché mai si dovrebbe accordare l’aumento della lavorazione? L’esigenza a che questo avvenga  è tutta di Fenice che ha bisogno di tornare a fare utili e lo può fare solo incrementando  la quantità di rifiuti urbani  da bruciare   vista  la ridotta disponibilità di rifiuti speciali- gli industriali. Non dimentichiamo che Fenice è una industria che fa utili bruciando rifiuti, più rifiuti brucia più utili fa o meno perdite subisce. La termovalorizzazione è un termine tutto italiano, è una favola  per spillare soldi ai contribuenti. Abolito il Cip 6- gabella che paghiamo nella bolletta dell’energia elettrica- l’incenerimento  dei rifiuti non è energeticamente conveniente . Per il 2010 Fenice  S.p.A. ha presentato i conti in rosso per 116 milioni di Euro. Fiat , cliente storico, conferisce sempre meno rifiuti,  c’è troppa concorrenza sui rifiuti industriali, molti inceneritori chiudono o sono sottoutilizzati  per mancanza di materia prima.  Occorrere far di conto e chiudere  in attivo ed allora bisogna bruciare più rifiuti urbani, quelli che nel meridione sono disponibili.  Perché la Basilicata dovrebbe concedere l’aumento della lavorazione  che è funzionale solo a Fenice e non già  alla gestione dei rifiuti  regionali?  Se Fenice  riesce a   fare utili  con i limiti di lavorazione  concessi è bene altrimenti tragga le conclusioni,  naturalmente la sua permanenza in Basilicata è subordinata al pieno rispetto di tutte le norme ambientali e si faccia carico dei costi di un monitoraggio moderno e rigoroso adottando, nel contempo, tutte le migliori tecnologie tese a ridurre l’inquinamento. La richiesta di aumento della lavorazione avanzata da Fenice va respinta immediatamente.

                                                                                                      X Città Plurale-Matera

                                                                                                       Pio Abiusi

Gio, 24/11/2011 - 21:40
Stampa