Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Dom, 25/06/2017 - 18:26
sei qui: Home > L'opinione > Interventi e commenti > Discarica Colobraro, intervenga il Prefetto

Interventi e commenti Matera

RIFIUTI

Discarica Colobraro, intervenga il Prefetto

D'Amico (Ugl): "La Comunità montana Basso Sinni continua a tacere"

di Redazione Basilicata24

Luigi D'Amico Luigi D'Amico

La situazione dell’impianto di stabilizzazione con annessa discarica (località Monticello) di  Colobraro (Matera) è divenuta grave tanto da dover sensibilizzare le Istituzioni Lucane per chiedere la massima attenzione su tale problema. L’Ugl di Matera ritiene quanto mai opportuno e necessario far presente che in tale sito sono occupati  diversi lavoratori i quali smaltiscono rifiuti provenienti dai Comuni di Rotondella, Colobraro, Tursi,  Nova Siri, Valsinni, S. Giorgio Lucano, Bernalda, Montalbano Jonico, Scanzano Jonico, Policoro, Stigliano, Aliano: una eventuale sospensione dell’attività di conferimento dei rifiuti presso la discarica comporterà inevitabilmente danni alle Amministrazioni locali interessate, saranno costretti a rivolgersi altrove con aggravi di costi ed inevitabili disagi alle comunità.

Abbiamo chiesto un incontro urgente al Prefetto di Matera, dr. Luigi Pizzi, affinché tale situazione di grave stallo venga affrontata. A parere dell’Ugl, persiste una palese violazione di ruoli e competenze che potrebbe causare gravissimi danni alle Comunità dei Comuni interessati e serie ripercussioni alle maestranze occupate in questo ambito. Riferiremo al Prefetto che l’Ugl ha scritto ai responsabili della comunità montana, provincia di Matera, regione Basilicata, sindaci interessati, Teknoservice e Procura della Repubblica di Matera sostenendo che  dal maggio 2012 veniva rilasciato alla Comunità Montana Basso Sinni l’Autorizzazione Integrata Ambientale, per porre in essere gli adeguati interventi  allo scopo di ampliare i volumi presso la Discarica di Colobraro; la società Teknoservice ha più volte segnalato con diverse note inviate alla Comunità Montana Basso Sinni di attivarsi per tale adempimento atteso che sono stati raggiunti i limiti delle quote di abbancamento per i 25.000 m3 previsti dal progetto di ampliamento; la stessa Società ha minacciato che provvederà a sospendere i conferimenti presso l’impianto a partire dai primi di novembre 2012 con conseguente sospensione dell’attività lavorativa a tutte le proprie maestranze; tale situazione, a dir poco paradossale, è del tutto anomala in quanto si evince in maniera palese una mancata assunzione di responsabilità da parte della Comunità Montana Basso Sinni; l’UGL ha sollecitato la Comunità Montana Basso Sinni ad effettuare un incontro, ma riscontrando solo ingiustificati silenzi; aver richiesto un incontro all’Assessore Regionale all’Ambiente; l’Ufficio Ambiente della Provincia di Matera ha inviato una nota alla Comunità Montana Basso Sinni, al Comune di Colobraro ed alla Regione Basilicata, di provvedere con massima sollecitudine, ognuno per le proprie competenze, alla realizzazione delle opere di presidio preordinate ad accogliere l’ampliamento dei volumi autorizzati con l’A.I.A., in assenza della quale preannuncia la costrizione a sospendere l’esercizio della discarica. Per tutte questa serie di motivazioni abbiamo chiesto al Prefetto, per il bene dei lavoratori e dell’intero territorio materano,  di programmare urgentemente un incontro con le parti interessate al fine di scongiurare quanto dalla nostra organizzazione sindacale esposto.

 

Luigi D'Amico, segretario Ugl Matera

 

Mar, 06/11/2012 - 17:10
Stampa